Vai al contenuto principale

Programma formativo

Il dottorando deve conseguire 60 CFU all'anno e 180 CFU nel triennio. I crediti vengono acquisiti mediante la frequenza di lezioni, seminari e convegni organizzati dal corso di dottorato oppure mediante la partecipazione a eventi formativi esterni in coerenza con la tematica del progetto di ricerca e in accordo con il Tutor.

A decorrere dall'a.a. 2019/20 le lezioni saranno articolate in corsi. Le informazioni su corsi, seminari e convegni sono pubblicate su Google Calendar.

La scelta delle lezioni da frequentare deve essere coerente con il proprio settore scientifico disciplinare e i propri interessi di ricerca e concordata con il Tutor.

I corsi ed i seminari organizzati intendono sviluppare discussioni attive sui profili più innovativi della ricerca scientifica dei settori di riferimento in relazione alle profonde trasformazioni in atto.

Verranno approfonditi, fra gli altri, temi quali il rapporto del Diritto con le nuove tecnologie (big data analysis, Intelligenza Artificiale, smart cities, giustizia predittiva), l’epistemologia della scienza giuridica, la giustizia e il diritto della disabilità, e i profili di novità nel diritto e nel processo penale. 

Ogni modulo di due ore di lezione equivale ad 1 credito.

La presenza alle lezioni viene attestata mediante un foglio firme presente in aula. Per la partecipazione agli eventi esterni si richiede la presentazione di un attestato di partecipazione. In assenza e’ necessaria l'attestazione da parte del Tutor.

A decorrere dal XXXV ciclo è previsto l'obbligo di un soggiorno all'estero di almeno sei mesi, anche non continuativi.

In analogia a quanto disposto per i docenti e i ricercatori dell'Ateneo di Torino, i dottorandi devono inserire i dati delle loro pubblicazioni nel programma Iris-AperTO al fine di adempiere agli obblighi di valutazione del corso di dottorato.

Ultimo aggiornamento: 17/10/2019 14:55
Location: https://www.dirittieistituzioniphd.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!